Studio Malandrino Alfredo

Bonus 200 euro: a chi spetta e quando verrĂ  erogato

Alla luce delle circolari applicative e dei messaggi Inps di questi ultimi giorni, alleghiamo circolare riguardante il bonus 200 euro, corredata dal modello di autodichiarazione che deve essere sottoscritto da ciascun dipendente e restituito al datore di lavoro.

Note riassuntive:

L’indennità una tantum per i lavoratori dipendenti è pari a 200 euro e verrà erogata dai datori di lavoro con la mensilità del mese di luglio 2022 (busta paga di luglio pagata in agosto);

Il datore di lavoro procederà al recupero del credito derivante dalle somme anticipate ai lavoratori mediante compensazione con le denunce contributive;

Il bonus spetta ai lavoratori dipendenti in forza al mese di luglio 2022;

I requisiti che consentono al lavoratore di beneficiare dell’indennità una tantum di 200 euro sono quelli relativi alla decontribuzione di 0,8 punti percentuali prevista a favore dei lavoratori dipendenti per l’anno 2022, cioè coloro che hanno diritto alla decontribuzione nel periodo 01/01/2022 – 23/06/2022 (a livello pratico, il lavoratore dovrà verificare di aver avuto in busta paga la voce “esonero contributi mese”);

Il datore di lavoro procederà automaticamente al riconoscimento dell’indennità, tale automaticità è in realtà subordinata ad una preventiva dichiarazione da parte del lavoratore di non essere titolare delle prestazioni di cui all'articolo 32, commi 1 e 18 del decreto, cioè di non essere titolare di un trattamento pensionistico o del reddito di cittadinanza nonché di non essere componente di nucleo familiare beneficiario di Reddito di cittadinanza;

L'indennità una tantum spetta ai lavoratori dipendenti una sola volta, anche nel caso in cui siano titolari di più rapporti di lavoro;

Anche nel caso di lavoratore con contratto a tempo parziale, l’indennità spetterà nella misura intera;

L’indennità una tantum non è cedibile, né sequestrabile, né pignorabile e non costituisce reddito né ai fini fiscali né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali ed assistenziali.

Note metodologiche:

  • le aziende dovranno consegnare il modulo di autodichiarazione a tutti i lavoratori;
  • il modulo di autodichiarazione dovrà essere compilato, firmato e riconsegnato da parte di tutti i lavoratori che avranno diritto al bonus;
  • il bonus verrà erogato a tutti i lavoratori che avranno riconsegnato il modulo, non verrà erogato a chi non lo riconsegnerà compilato e firmato;
  • i lavoratori che non avranno diritto al bonus non dovranno compilare il modello di autodichiarazione e, quindi, non lo riconsegneranno;
  • non c'è alcun termine perentorio entro cui consegnare l'autodichiarazione, l'importante è che venga restituita prima dell'elaborazione dello stipendio di luglio;
  • coloro che avevano già consegnato al datore di lavoro un'autodichiarazione, anche se su differente modulistica, al permanere dei presupposti, non serve che ne facciano una nuova;